Didgeridoo

Ed eccoci alla presentazione del vero protagonista di questo sito:

“IL DIDGERIDOO”.

Questo strumento è ricavato da un ramo di eucalipto (pianta molto diffusa nel Nord dell’Australia), il cui interno viene scavato naturalmente dalle termiti. Successivamente viene tolta la corteccia e modellato a proprio piacimento nella sua parte esterna, in seguito lo strumento viene poi decorato e colorato con pitture naturali che, a volte, possono anche rimandare ad animali o raffigurazioni appartenenti alla mitologia aborigena.

Questo strumento nasce tra gli aborigeni dell’Australia settentrionale; non esistono fonti affidabili che ne certifichino con esattezza l’età ma si può presumere che sia uno fra i più antichi strumenti a fiato rudimentali utilizzato dal popolo indigeno.

Il didgeridoo può avere forme diverse anche se viene classificato principalmente in due modi. conico o cilindrico. La prima forma viene chiamata “Yidaki” mentre la seconda viene denominata “mago”. Questi sono i due  nomi che vengono comunemente utilizzati per indicare gli strumenti tradizionali suonati dalla popolazione aborigena.

Una particolarità che può regalare questo strumento ad un appassionato suonatore è la respirazione circolare detta anche a “soffio continuo” o  ”respirazione del jazzista”. Questa tecnica oltre a potenziare il diaframma permette al suono di  continuare senza essere interrotto rendendo  così l’ascolto più profondo e quasi ipnotico.

Oggi il modo di suonare il didgeridoo è cambiato in quanto ha subito l’influenza della nascita di nuovi generi musicali tra i quali la dance music e la conoscenza di suoni elettronici. A tale proposito si sviluppano sempre più gruppi che insieme ai players didge (suonatori di didgeridoo) abbinano svariati suoni prodotti da percussioni, campionatori e beatbox.

Inoltre, vengono modificati anche le forme e i materiali, infatti, oggi il didgeridoo non è solo un ramo di eucalipto termitato ma può essere costruito anche con legni comuni (faggio, frassino…), vetro, ceramiche,  vetroresine, pvc….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *